Smart parking a Torino

Il diritto alla mobilità è un diritto di tutti e in particolar modo per le persone con disabilità che, secondo l’art. 9 della Legge 18/2009 con la quale l’Italia ha ratificato la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, necessitano maggiormente di misure adeguate atte a garantire una maggiore accessibilità ai servizi di trasporto al fine di vivere in modo indipendente e partecipare pienamente a tutti gli aspetti della vita, secondo il principio dell’uguaglianza.

La Città di Torino è da sempre attenta alle esigenze di mobilità delle persone con disabilità, intervenendo negli anni sull’accessibilità dei servizi di trasporto pubblico e sulla pedonalità. Per migliorare gli spostamenti effettuati con il trasporto privato, la Città ha chiesto a 5T, società in-house del Comune che gestisce la Centrale della Mobilità e dell’Infomobilità di Torino e a Iren Spa, una delle principali multiutility italiane nei settori dell’energia elettrica, dell’energia termica per teleriscaldamento, del gas  della gestione dei servizi idrici integrati, dei servizi ambientali e dei servizi per l’efficienza energetica, di realizzare una soluzione tecnologica per fornire un servizio informativo di smart parking per gli stalli di parcheggio riservati a questa categoria di utenti.

 

 

LA SPERIMENTAZIONE

Il servizio, che verrà avviato in via sperimentale nel 2019, fornirà in tempo reale informazioni sullo stato di occupazione degli stalli disabili, consentendo agli automobilisti a bordo di vetture con contrassegno disabili di ottimizzare la propria ricerca di parcheggio.

 

DOVE

La sperimentazione verrà attivata su un centinaio di stalli disabili presenti nelle aree attigue agli ospedali cittadini, in particolare quelli della Città della Salute (Molinette, Sant’Anna, Regina Margherita, CTO). Successivamente, a seguito dei risultati conseguiti, si valuterà l’estensione anche ad altre zone ospedaliere della città (Amedeo di Savoia, Mauriziano).

 

LE COMPONENTI TECNOLOGICHE

La rete dei sensori

Gli stalli interessati dalla sperimentazione saranno infrastrutturati da 5T con sensori magnetici in grado di rilevare con continuità la presenza di un veicolo e di comunicare l’informazione tramite una rete IoT (Internet of Things). I dati rilevati dal monitoraggio saranno veicolati tramite una rete di connettività e salvati su database centrali, ove sarà possibile analizzare i dati e gestire procedure di retroazione. Tali sensori sono alimentati con batterie al litio integrate dentro l’apparato con un’autonomia dell’ordine dei 5-8 anni in normali condizioni di utilizzo.

 

La rete di comunicazione

Le informazioni e i dati rilevati dai sensori saranno trasmessi tramite una rete di gateway che sfrutta il protocollo LoRaWAN, che Iren ha predisposto per le aree individuate di sperimentazione. La tecnologia LoRaWAN permette di connettere dispositivi di costo contenuto (telecomandi, sensori, contatori) con la possibilità di ricevere e trasmettere piccole quantità di dati a distanze considerevoli, in alternativa all'utilizzo di connessioni Wi-Fi o di operatori mobili. Tale attività rientra in un progetto più ampio promosso dalla Città di Torino e pianificato da Iren che ha come scopo finale quello di dotare la città di un’ampia rete IoT (Internet of Things), capace di attivare servizi sfruttando una tecnologia a basso consumo energetico e contenuti costi di installazione e manutenzione.

 

Il servizio informativo

Gli utenti potranno consultare le informazioni in tempo reale sullo stato di occupazione del parcheggio mediante una mappa dedicata e mobile responsive (quindi fruibile sia da computer sia da smartphone) disponibile sul sito web Muoversi a Torino (www.muoversiatorino.it), il portale ufficiale di infomobilità della Città di Torino.

 

GLI STAKEHODLERS COINVOLTI

Il Comune di Torino, 5T e Iren intendono coinvolgere, durante la sperimentazione, attivamente le associazioni torinesi delle persone con disabilità per individuare alcune specifiche tecniche e di servizio, utili a definire le attività e le finalità della sperimentazione.